Come realizzare (da un vecchio maglione) guanti e cappello

Occorrente:

  • un vecchio maglione
  • cartoncino o carta da pacchi
  • penna
  • forbici
  • ago e filo (o macchina da cucire)
  • metro a nastro
  • gomitolo di lana

 

Per realizzare i guanti utilizziamo le maniche del nostro maglione. Si potrebbe semplicemente appoggiare una mano alla volta sulle due maniche e contornare il loro profilo (aggiungendo un margine di cucitura) con un gessetto da sarto o con una saponetta! Si avete capito bene…vi svelo un trucco usato all’occorrenza nelle sartorie di una volta, la saponetta usata al posto del gessetto costa poco, funziona garantisco e rilascia una gradevole profumazione!! Se utilizzate maglioni chiari però avrete lo stesso problema del gessetto bianco, non si vede… in più per una maggior precisione vi consiglio, come prima volta, di realizzare un semplicissimo cartamodello che potrete riutilizzare.

Appoggiate la mano su un foglio di cartoncino o carta da pacchi e contornate il suo profilo compreso il polso, con una penna, a questo aggiungete una margine di cucitura (1 cm circa) e tagliate il vostro cartamodello, non seguendo nel dettaglio il profilo delle dita ma stondandolo, rimarcando solo il pollice.

WP_20171027_005.jpg

Posizionate il cartamodello ottenuto su una manica facendo combaciare il polso con il polsino del maglione e tagliate tutt’intorno sia il davanti che il dietro del maglione.

WP_20171026_001WP_20171026_005WP_20171026_006

Per cucire le due parti del guanto (in questo caso anche detto “a manopola”) utilizzo ago e filo perché la lana, la sua consistenza, il suo spessore e le curve da seguire, piuttosto strette nel pollice, potrebbero non rendere agevole l’utilizzo della macchina da cucire soprattutto per le meno esperte. La cucitura va effettuata al rovescio perché una volta terminata, rigirando il guanto, non si vedrà più.

WP_20171026_008WP_20171027_008WP_20171027_015

Passiamo al cappello!

In questo caso utilizziamo la parte centrale del maglione tagliando, questa volta, solo il davanti. Realizziamo un rettangolo di 45cm di larghezza per 23 cm di altezza (oppure di 30 cm di altezza per un cappello dalla sommità più morbida che ricade all’indietro).

WP_20171026_013

Queste misure corrispondono allo standard di una circonferenza media da donna. Potete però, realizzare  facilmente anche un cappello da uomo o da bambino, basta avere a disposizione un cappello di lana analogo a quello che realizzerete, misurarne la larghezza, moltiplicarla per 2 aggiungendo sempre i margini di cucitura.

WP_20171027_019

Piegate a metà, nel senso della larghezza e al rovescio, la striscia di lana ottenuta e cucitela lateralmente con la macchina da cucire o sempre utilizzando ago e filo.

WP_20171026_015

Arricciate la parte superiore, quella non rifinita, con il punto filza, questa volta utilizzando rigorosamente ago e filo per non far spezzare quest’ultimo al momento dell’arricciatura. Il “punto filza” è utilizzato principalmente nel ricamo ma si può utilizzare anche per altri lavori come la realizzazione di orli decorativi, le imbastiture e le arricciature. Si realizza con una serie di punti, eseguiti da destra verso sinistra, con distanza regolare e con la stessa lunghezza. Una volta eseguiti tutti i punti si fa scorrere il tessuto lungo il filo fino ad arricciarlo.

Ora cucite la sommità a chiudere il cappello.

WP_20171026_017WP_20171026_018WP_20171026_020

Girate dal dritto il vostro cappello!

WP_20171026_022WP_20171026_023

A questo punto manca solo un bel pon pon sempre rigorosamente “fai da te”.

Arrotolate per 150 volte il filo di lana intorno alla vostra mano (sembra chissà quanto tempo ci impiegherete ma non è così!)

WP_20171027_020WP_20171027_021WP_20171027_022Ora sfilate la matassa ottenuta dalla mano e stringetela perpendicolarmente alla parte lunga sempre con un filo di lana. Stringete il più possibile e fate un doppio nodo

WP_20171027_026WP_20171027_028WP_20171027_029

Tagliate al centro la lana, aldiquà e aldilà della legatura; tagliate i fili troppo lunghi per pareggiare il pon pon; agitatelo tra le vostre mani per dargli un aspetto più compatto e cucitelo al vostro cappello.

WP_20171027_031WP_20171027_032WP_20171027_035WP_20171027_037WP_20171027_039

 

 

 

2 pensieri riguardo “Come realizzare (da un vecchio maglione) guanti e cappello

I commenti sono chiusi.